Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19/11/2008

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

La Direttiva «stabilisce misure volte a proteggere l'ambiente e la salute umana prevenendo o riducendo gli impatti negativi della produzione e della gestione dei rifiuti, riducendo gli impatti complessivi dell'uso delle risorse e migliorandone l'efficacia».

La direttiva introduce una «gerarchia dei rifiuti», cioè una "classifica" di scelte ambientali.

  1. La prima scelta è la prevenzione (ridurre la quantità di rifiuti attraverso il riutilizzo dei prodotti);
  2. la seconda è la preparazione per il riutilizzo;
  3. la terza il riciclo;
  4. la quarta il recupero.
  5. La quinta scelta (da evitare) è lo smaltimento (in discarica o tramite incenerimento). In questo senso, l'incenerimento deve essere funzionale al "recupero" e non alla distruzione.

Riguardo al riciclo, gli obiettivi sono due:

  • entro il 2015 tutti gli Stati devono effettuare la raccolta differenziata almeno per la carta, il metallo, la plastica e il vetro;
  • entro il 2020, devono essere aumentati del 50% (in peso) il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti domestici.

Gli Stati sono quindi tenuti ad adottare le misure necessarie per vietare l'abbandono, lo scarico e la gestione incontrollata dei rifiuti attraverso sanzioni «efficaci, proporzionate e dissuasive».

Gli Stati membri devono adeguarsi alla Direttiva entro 24 mesi.

Le quattro 'R' della gerarchia dei rifiuti: riduci, riusa, ricicla, recupera.Clicca per ingrandire