Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Crispiano: la situazione relativa ai rifiuti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: Crispiano

Gestore della raccolta differenziata

La raccolta dei rifiuti è affidata alla Serveco (qui il sito).

La raccolta dei rifiuti ingombranti (principalmente in legno) e dei beni durevoli dimessi (frigoriferi, surgelatori, televisori, ecc.) di origine domestica avviene previa prenotazione al numero verde Serveco 800 955 138.

I rifiuti RAEE possono essere anche portati personalmente presso l'isola ecologica di Crispiano, oppure si può chiamare telefonicamente il Comune per il ritiro a domicilio (gratuito).

Regolamento comunale per la TARSU, art. 11

Verrà praticato uno sconto del 30% sulla TARSU alle famiglie che installano un impianto domestico di compostaggio dei rifiuti umidi. Possono installarlo solamente coloro che hanno un giardino e che hanno altri particolari requisiti.

La cittadella dei beni durevoli                                

A Crispiano si trova la piattaforma per il conferimento ed il trattamento di tutti gli elettrodomestici RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) dismessi (frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, cucine e altri beni durevoli elettrici o elettronici (televisori, Pc, ecc.). La piattaforma - unica in Puglia e una delle poche già attive in Italia - può trattare circa 30 pezzi all’ora, per un totale di oltre 150.000 elettrodomestici e circa 12.000 tonnellate di apparecchiature all'anno, dalle quali sono recuperati materiali altrimenti persi. L'impianto interessa in particolare Puglia, Calabria e Basilicata.

La difficoltà maggiore che incontra la piattaforma è la scarsa attenzione delle aziende municipali per la raccolta dei rifiuti, che non vengono incontro ai cittadini nella creazione di punti di raccolta specifici.

Dal recupero è possibile riciclare o recuperare plastica, alluminio, vetro ecc. e bonificare i rifiuti pericolosi (gas freon, sostanze chimiche che compongono monitor di TV e personal computer…). Il progetto, promosso insieme all’AMIU di Taranto, al Comune di Crispiano (Ta) e al Comune di Statte (Ta), rappresenta l'estrema sintesi fra imprenditoria pubblica e privata nell'interesse collettivo più allargato. (http://www.ecopolis2000.it/pagina.php-idp=1001.htm)

Dalla fine del 2007, la piattaforma Ecopolis di Crispiano è partner del Consorzio ECODOM (produce il 70% deegli elettrodomestici in Italia) per il trattamento e smaltimento RAEE per le Regioni Puglia, Basilicata e province di Avellino e Benevento.