Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Secondario Europa. Localizzazione di aree e distretti industriali

Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

Tags: area industriale | distretto industriale | Europa economica | localizzazione | settore secondario

 

Le industrie sono localizzate in aree o regioni industriali (piccole, medie, grandi). Le aree più industrializzate d'Europa (per le regole della localizzazione) corrispondono praticamente alle aree più densamente abitate o a quelle più urbanizzate): metropoli e conurbazioni si sviluppano proprio in prossimità di giacimenti minerari, di zone agricole, di insediamenti industriali, di vie di comunicazione.

Le aree industriali maggiori in Europa sono (da Nord-Ovest a Sud-Est):

  • Inghilterra e Scozia meridionale;
  • Benelux e Ruhr;
  • Bacino parigino;
  • Lorena;
  • Paesi Baschi;
  • Pianura Padana e direttrici appenninica e adriatica;
  • Slesia;
  • San Pietroburgo, Mosca, Donbass, Monti Urali

Lo Stato più industrializzato d'Europa è la Germania (chimica, farmaceutica, elettronica, meccanica) , seguita da Francia, Regno Unito, Italia. La Spagna ha un'industrializzazione più recente e non ancora stabilizzata. A Nord, i Paesi scandinavi (Finlandia: tecnologici; Svezia: carta e legno, acciaio, automobili) e baltici sono specializzati in alcuni settori. Lo stesso avviene per la Svizzera (farmaceutica, alimentare, meccanica) e l'Austria (acciaio).

I Paesi dell'Est europeo, per motivi storici, sono meno sviluppati. Mostra segni positivi soprattutto l'area baltica e centro-orientale per via della delocalizzazione.

La Russia è industrializzata a macchia, ma soprattutto nel settore estrattivo (petrolio, gas) e di base (siderurgia).

Le industrie spesso si localizzano negli stessi luoghi per associarsi nella produzione e nella specializzazione della manodopera. Si creano pertanto dei "distretti industriali". Ad esempio, in provincia di Fermo c'è il distretto calzaturiero più importante d'Italia (produce circa l'80% delle scarpe italiane); in Puglia e Basilicata c'è il distretto dei salotti (tra Altamura, Ginosa e Matera), e così via.

In ogni area o distretto industriale, possiamo trovare impianti, fabbriche, laboratori. Gli impianti sono quelli delle industrie di base. Le fabbriche sono grandi capannoni e hanno oltre 15 dipendenti/operai. I laboratori sono più piccoli (meno di 15 persone) e quasi sempre sono artigiani. Ad esempio, l'Italsider è un impianto, la Dreher è una fabbrica, il meccanico un laboratorio artigiano.