Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

I piccoli meteorologi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

In questa relazione si parlerà della 1^ D e della 1^ F dell'Istituto Comprensivo "Francesco Severi" di Crispiano mentre apprendevano lo studio del clima del loro territorio (Crispiano e Taranto). Per un ulteriore approfondimento sul clima i ragazzi sono andati a visitare l'Osservatorio Meteorologico "L. Ferrajolo" di Taranto, dove hanno osservato degli strumenti professionali.
Il professore si era preposto degli obiettivi, che spiegherò ora:
- Elaborare dati per portare alla realizzazione di carte tematiche e grafici sui fenomeni geografici studiati;
- Conoscere e utilizzare programmi ed informazioni per organizzare semplici prodotti;
- Distinguere i diversi ambienti naturali, artificiali e umoristici, dell'Europa e saper descriverli identificando analogie e differenze.
I professori hanno scelto questo argomento, oltre che per facilitare l'uscita all'Osservatorio ai ragazzi della 1^D, soprattutto per arrivare al punto di capire perfettamente il clima e le precipitazioni del nostro territorio, per arrivare ad uno studio globale di quest'ultimo.
Questo lavoro potrà servire in futuro ai ragazzi della 1^D e della 1^ F per comprendere, da alcuni punti di vista, il clima del loro territorio e l'evoluzione, che li aiuterà a capire il mutamento del mondo di anno in anno.
Questo programma lo stanno trattando dall'inizio di dicembre sino alla metà di marzo. A dicembre si sono soffermati sulla presentazione del seguente argomento: i fattori e gli elementi del clima, con una dettagliata spiegazione.
Da gennaio ogni ragazzo ha trascritto su Excel i dati di un intero anno relativi a precipitazioni e temperature.
A febbraio, seguendo le indicazioni offerte dal professore, hanno creato un climogramma, con i dati della temperature e delle precipitazioni.
Per svolgere alcuni lavori, il professore ha diviso la classe in due grandi gruppi, in cui ognuno aveva un argomento: o fattori o elementi del clima.
In ogni gruppo, ogni componente svolgeva uno dei quattro ruoli: mediatore, incoraggiatore, segretario e moderatore.
Gli argomenti, come già accennato in precedenza, si basavano sul clima e sulle sue temperature e precipitazioni. Si sono soffermati molto sulle definizioni dei fattori e dei rispettivi elementi, per avere sempre in mente il concetto-base e la sua suddivisione.
A casa, spesso il professore permetteva di stampare immagini e di cercare definizioni sul dizionario cartaceo o online.
Poi, hanno trattato per molto tempo, l'uso di Excel e le sue diverse funzioni, in modo tale, alla fine di arrivare a permettere agli alunni di saper usare abbastanza bene il programma. Infatti, il professore gli ha fatto prendere appunti, per prepararli bene e per eseguire il giusto procedimento nei lavori a casa e in seguito per la verifica finale.
A casa, hanno compilato le tabelle, che erano suddivise a loro volta per anno, giorno, mese, massima e minima. Dopo qualche giorno che aveva completato la tabella finale, dove veniva riportata la temperatura media di ogni giorno degli anni andanti dal 1952 al 1982 per poi realizzare il climogramma finale. Successivamente, hanno creato in classe il climogramma finale, per poi studiarlo e avere un'idea precisa sulle temperature e precipitazioni medie del loro territorio.
Infine, per approfondire meglio l'argomento, i ragazzi della 1^ D e della 1^ F, il 16 marzo 2016, utilizzando il pulmino comunale, sono andati in gita all'Osservatorio Meteorologico "L. Ferrajolo" di Taranto situato nella città vecchia, dove hanno visitato e osservato molte stanze e strumenti, che ancora oggi si usano per misurare i diversi elementi del clima, come: pluviometro (pioggia), barometro (pressione), anemometro (vento) e igrometro (umidità).
Per fare tutto questo hanno avuto bisogno di alcuni strumenti o oggetti che hanno pagato o acquistato. Ad esempio per utilizzare il computer, hanno dovuto spendere circa 20 euro cadauno, per la gita 2 euro, per stampare le immagini che hanno conservato, si è speso circa 2-3 euro a testa.
Da tutto questo lavoro, hanno imparato a usare abbastanza bene il programma Excel, hanno compreso bene il clima del loro territorio e, in modo superficiale, si sono dati un'idea del clima in generale. Inoltre, hanno imparato a leggere carte geografiche, tematiche e climogrammi. Nello svolgere il lavoro, alcuni hanno avuto delle difficoltà nel compilare le tabelle, altri nel seguire il giusto procedimento e altri nella verifica finale, per causa delle precedenti difficoltà. Per i ragazzi della 1^ D e della 1^ F è molto divertente ed eccitante usare degli strumenti tecnologici per svolgere dei compiti e per studiare diversi argomenti. Infatti, loro sperano di farlo in tutte le materie!
Si potrebbe cercare di fare più uscite nel territorio, per far comprendere meglio l'argomento da trattare, con una o semplice o dettagliata spiegazione più attraente. Si potrebbe spiegare con l'aiuto di video o PowerPoint e infine, si potrebbero usare altri programmi, per cercare di far diventare la 1^ D e della 1^ F una classe di tecnici specializzati!

Alberto Vinciguerra

1^ D

Relazione scritta in classe il 14/4/2016