Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Come interpretare il grafico dei settori produttivi: Paesi in via di sviluppo

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: areogramma | didattica | economia | imparare | insegnare | settore primario | settore secondario | settore terziario | settori economici

Interpretare un grafico dei settori economici è apparentemente facile. Al contrario, ci sono alcuni elementi che possono portare a degli errori di lettura e comprensione. Segui questa guida.

  1. Come interpretare il grafico dei settori produttivi: prima lettura
  2. Come interpretare il grafico dei settori produttivi: Paesi agricoli
  3. Come interpretare il grafico dei settori produttivi: Paesi in via di sviluppo (questo articolo)
  4. Come interpretare il grafico dei settori produttivi: Paesi post-industriali
  5. Come interpretare il grafico dei settori produttivi: da Paese industriale a Paese post-industriale
  6. Come confrontare due grafici dei settori produttivi di Paesi o periodi diversi

Altri grafici

Questa è la sezione in cui puoi trovare tutti i grafici dei settori produttivi (Italia, Europa, continenti extraeuropei)

Interpretare il grafico: Paese in via di sviluppo

Prendiamo in esame il grafico della Cina.

Grafico dei settori della CinaClicca per ingrandire

Il grafico mostra che gli impiegati nel settore primario sono il 36,7% del totale; nel secondario lavora il 28,7%; nel terziario il 34,6%.

In questo grafico, i tre settori sono più o meno equilibrati: nessuno dei tre supera il 50%. Se si esamina l'andamento del grafico negli anni, si può osservare una riduzione del personale del settore primario ed una crescita degli altri due settori.

Insomma, il grafico vuole indicare che l'economia di questo Stato, precedentemente agricola, è in via di evoluzione verso un altro tipo di economia, generalmente di tipo industriale. In sintesi:

  1. il settore primario sta passando da un alto numero di manodopera ad un numero sempre più basso (grazie ad una meccanizzazione crescente);
  2. il settore industriale sta passando da un basso numero di dipendenti ad un numero sempre più alto (grazie ad un trasferimento dei contadini dalle campagne alle zone industriali); successivamente, il numero di dipendenti comincerà ad abbassarsi nuovamente (grazie all'impiego di macchinari e tecnologie che portano alla riduzione del personale);
  3. il settore terziario sta passando da un basso numero di impiegati ad un alto numero (grazie alle richieste del settore primario e del settore secondario, al bisogno di formazione e di istruzione, al crescente ricorso dei servizi bancari e assicurativi, eccetera).

Il grafico della Cina ci mostra una economia di un Paese in via di sviluppo, con un progressivo calo dei lavoratori del settore primario ed un aumento dei lavoratori del settore industriale e/o di quello terziario.

I grafici dei Paesi in via di sviluppo possono essere di vario tipo, con una prevalenza del settore primario o secondario o terziario, a seconda dello stato di industrializzazione o terziarizzazione. Di sicuro, nessuno dei tre settori supera il 50% del totale.