Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Climogrammi: versione 2.0

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Tags: clima | climogramma

Sono felice di presentare la versione riveduta, aggiornata e corretta dei climogrammi.

Climogrammi interessati

Sono interessati all'aggiornamento i climogrammi d'Europa già pubblicati e di prossima ripubblicazione ripubblicati.

Sono stati già pubblicati nella versione 2.0 i climogrammi della Puglia.

Stanno per essere pubblicati Sono stati pubblicati (direttamente nella versione 2.0) i climogrammi dei capoluoghi di regione d'Italia e di alcune città dei principali Stati del mondo.

Confronto tra le due versioni

Innanzitutto, un semplice confronto tra la versione precedente (d'ora in poi "versione 1.0") e quella attuale ("versione 2.0").

climogramma-AmsterdamVersione 1.0

 

climogramma-BariVersione 2.0

Dati corretti

In alcuni casi, sono state apportate correzioni relative ai dati di latitudine, longitudine, altitudine, temperatura, precipitazioni.

Per maggiore precisione, alcuni climogrammi riportano il punto di rilevazione dei dati.

Dati inseriti

Tutti gli articoli riportano ora una Google Map che visualizza le città di cui è pubblicato un climogramma.

In tutti i climogrammi, in fondo all'immagine, sono stati inseriti due dati che saranno utilizzati nei prossimi articoli:

  • media annua delle temperature;
  • media annua delle precipitazioni.

Dati eliminati

Nei grafici sono stati eliminati tutti i dati delle temperature e delle precipitazioni (la griglia alla base del grafico). Infatti, nella didattica i climogrammi potranno essere utilizzati anche per far dedurre i numeri dagli istogrammi o dalle linee, e questo sarebbe troppo facile con la griglia!!!

Nuova grafica

La versione 2.0 risulta molto più leggibile:

  1. è stato eliminato lo sfondo "pioggia";
  2. il climogramma non è più ad una entrata, ma a due entrate: a sinistra le "precipitazioni", a destra le "temperature", con i rispettivi assi.
  3. è finalmente possibile visualizzare meglio la linea delle temperature, che occupa non più l'area inferiore, ma lo spazio dovuto.

Un contributo originale...

La novità più importante di tutte è la "serializzazione", cioè il fatto che tutti i climogrammi pubblicati nel sito sono strutturati con gli stessi massimi e minimi: il limite delle precipitazioni è compreso tra 0 e 110, mentre quello delle temperature varia da -15 a +40. Probabilmente, nella storia dei climogrammi sul Web è la prima volta che 90 grafici di questo tipo vengono costruiti in modo seriale.

... per nuove applicazioni

La scelta è stata fatta per consentire il confronto tra climogrammi. Infatti, anche i libri di testo spesso costruiscono climogrammi con limiti differenti, e questo non rende giustizia delle differenze (specie per un alunno, poco abituato a leggere grafici). Invece, ora sarà molto più semplice effettuare un confronto tra due città poste alla stessa latitudine o longitudine o di due climi differenti, per notare le differenze nell'andamento delle precipitazioni o delle temperature: esse emergeranno all'istante!

Uno svantaggio...

La serializzazione però comporta uno svantaggio. Alcune città, infatti, riportano valori di precipitazioni che superano di poco o di molto i 110 mm mensili. In questo caso, si possono percorrere due vie:

  1. se si rispetta il limite dei 110 mm, gli istogrammi non visualizzeranno il valore corretto e il climogramma non sarà veritiero;
  2. se si deroga al limite dei 110 mm, il climogramma sarà corretto, ma non sarà completamente compatibile con gli altri.

Qui si è preferita la seconda soluzione, che è quella più corretta (e consentirà comunque il confronto). Per fortuna si tratta di pochi casi:

  • per alcuni climogrammi, si è adottato come limite il massimo di 150 mm (esempio: Climogramma di Napoli: in questo caso, eventuali minimi superamenti sono evidenziati dall'istogramma che va oltre la linea dei 150 mm);
  • per altri climogrammi, si è adottato come limite il massimo di 300 mm (esempio: Climogramma di Pechino);
  • in un solo caso, il limite massimo è 420 mm (Climogramma di Hong Kong);
  • in un ultimo caso, il limite massimo è 500 mm (Climogramma di Manila).

Qualora questi climogrammi dovessero essere usati per un confronto, si tenga presente questa modifica e quindi si allineino i climogrammi sull'asse orizzontale. Per facilitare la visualizzazione dei climogrammi fuori norma, in alto, sotto il nome della città e a fianco del nome della serie, è riportata la dicitura "[pmax = 150 mm]" o simile.