Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Mari, canali, stretti: Italia (con carta geografica)

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

Ascolta l'articolo!Opzione DSA: Per ascoltare, seleziona il testo desiderato e poi clicca il pulsante qui sotto.

(oppure clicca qui e leggi la guida)

Tags: canale | carta geografica | Italia fisica | mare | stretto

Chiarimenti lessicali

Per una introduzione su definizioni relative al mare, vai qui.

Introduzione

L'Italia è una penisola protesa nel Mare Mediterraneo. L'Italia divide il Mare Mediterraneo in due parti: Mediterraneo occidentale e Mediterraneo orientale.

La particolare forma della nostra penisola genera tanti bacini, e pertanto divide l'unico Mare Mediterraneo in tanti mari mediterranei.

Ognuno di essi è un mare "autonomo" perché:

  1. ha delle caratteristiche geografiche differenti da quelle degli altri mari;
  2. è mediterraneo, cioè circondato da terre;
  3. è collegato agli altri tramite stretti o canali.

I mari italiani

Pertanto, da Est ad Ovest, l'Italia è bagnata da questi mari.

  • a Est: Mare Adriatico.

E' un bacino lungo e stretto, posto tra l'Italia (a Ovest) e la penisola balcanica (a Est). Comunica con il Mar Ionio attraverso il Canale di Otranto (largo 81 km). Il Mare Adriatico non raggiunge profondità elevate (è il meno profondo tra i mari italiani), è molto pescoso ed è importante dal punto di vista economico perché consente alle navi di arrivare fino al Nord Italia e di trasportare i prodotti agricoli ed industriali dall'Asia e dall'Africa verso l'Europa e viceversa. Porti importanti: Trieste, Ancona, Bari, Brindisi. Altre città importanti che vi si affacciano: Venezia, Rimini, Pescara.

  • a Sud: Mare Ionio.

Comprende il Golfo di Taranto e si estende più a Sud fino a bagnare ad Ovest le coste siciliane, a Est le coste greche. Comunica con il mar Adriatico attraverso il Canale di Otranto, con il Mar Tirreno attraverso lo Stretto di Messina (tra Sicilia e Calabria). E' tra i mari più profondi d'Italia. E' pescoso ma non quanto l'Adriatico. Sta assumendo sempre più importanza economica a causa della crescita del porto di Taranto. Qui infatti arrivano sempre più importanti flussi di merci dalla Cina (attraverso il Canale di Suez), destinati all'Italia e soprattutto all'Europa. Taranto è anche un porto peschereccio e militare (una delle più importanti basi navali d'Italia e del Sud Europa). Altre città importanti: Crotone; Gallipoli.

  • a Est: Mar Tirreno.

E' un mare mediterraneo quasi tutto italiano (se non fosse per la condivisione di una sua parte con le coste francesi della Corsica). Comunica con il mar Ionio attraverso lo Stretto di Messina e con il Ligure attraverso il canale di Corsica (tra la Corsica ed isola d'Elba) ed il canale di Piombino (tra l'isola d'Elba e la Toscana); comunica con il mar di Sicilia attraverso il canale di Sicilia; con il mar di Sardegna attraverso il canale di Sardegna e le Bocche di Bonifacio. Sul Mar Tirreno si affacciano molte delle principali città italiane: Roma attraverso il porto di Ostia, e poi Napoli e Palermo. Pertanto, è un mare che riveste molta importanza nelle comunicazioni. Su questo mare sono presenti grandi porti, come quello di Gioia Tauro, importante snodo delle merci da/per la Cina (con Taranto). Da non dimenticare i porti di Napoli e Palermo, nonchè di Civitavecchia (collegamenti con la Sardegna).

  • a Nord-Est: Mar Ligure.

Bagna la Liguria a Nord, a Ovest la Toscana fino all'Arcipelago Toscano, la Corsica, la costa mediterranea francese. Comunica con il mar Tirreno attraverso i canali di Corsica e di Piombino. E' importantissimo perché consente al Nord-Ovest (ex-triangolo industriale) di esportare o importare le merci, soprattutto attraverso il porto di Genova, affermato fin dai tempi delle repubbliche marinare (all'inizio Genova era in lotta con Pisa, poi sconfitta).

  • a Est della Sardegna: Mar di Sardegna.

Non è indicato in tutte le carte geografiche. Comunica con il mar Tirreno attraverso il canale di Sardegna. Il porto più importante è quello di Cagliari.

  • a Sud della Sicilia: Mar di Sicilia.

Non è indicato in tutte le carte geografiche. Comunica con il mar Tirreno attraverso il canale di Sicilia.

Un errore comune

Attenzione: in Geografia non si dice che l'Italia confina ad Est con il mare Adriatico, ma che è bagnata ad Est dal mare Adriatico, ecc. Infatti, il concetto di "confine" si applica a due territori vicini, non ad un territorio e al mare.

Carta geografica dei mari e dei canali/stretti d'Italia

Per visualizzare e memorizzare meglio, per imparare, segui questo metodo di studio:

  1. utilizza la carta geografica seguente;
  2. segui i consigli contenuti in questo articolo;
  3. ripeti con la carta muta presente in quest'altro articolo.

Carta geografica dell'Italia: mari e canaliClicca per ingrandire

Vota il sito!

Clicca qui: con un voto puoi contribuire a questo sito gratuito, che ha dei costi di mantenimento e richiede tempo per la redazione e l'aggiornamento. Grazie!