Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

L'economia europea del 1600

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

A partire dalla studio del libro di testo, alcuni alunni hanno strutturato delle tabelle di sintesi in cui si evidenziano le differenze tra due aree europee (Centro-Nord e Centro-Sud). Le varie tabelle sono state sintetizzate in un unico schema, pubblicato qui di seguito.

L'economia europea nel 1600: tabella di sintesi
Isola o arcipelagoEuropa centro-settentrionaleEuropa centro-meridionale
Stati interessati Inghilterra, Paesi Bassi, Francia e alcune zone dell’Italia settentrionale Spagna, area mediterranea in genere, Paesi dell’Europa centrale e orientale (che fino ad allora erano state in testa per la ricchezza)
Terreni Per consentire la differenziazione delle colture, si bonificano altri terreni (Paesi Bassi) oppure si dà inizio al fenomeno dell’eliminazione della recinzione delle terre oppure avviene la vendita dei beni ecclesiastici (che da improduttivi diventano produttivi) Per far fronte al calo delle vendite, si riducono i terreni coltivati oppure si coltivano con minore resa
Prodotti agricoli Si differenzia la produzione: oltre al grano, si coltivano cereali e legumi Tra i cereali si tende a coltivare solo il grano e a non differenziare la produzione
Metodi e tecniche di produzione L’agricoltura si modernizza: si utilizzano meno lavoratori, si introducono nuovi metodi di concimazione e di coltivazione L’agricoltura non viene modernizzata: non cambiano i metodi di coltivazione e il numero dei lavoratori rimane costante (anche perché diminuiscono gli stipendi oppure avviene la rifeudalizzazione e i lavoratori sono servi)
Proprietà I terreni non appartenevano ad una sola persona (anzi abbiamo molti passaggi di proprietà, come nel caso dei beni ecclesiastici) I terreni, che appartenevano a più persone, si concentrano di nuovo nelle mani dei signori che si impossessano di altri terreni e perfino di villaggi che si “vendono”
Demanio Il demanio può essere sfruttato liberamente da chiunque Il demanio viene rifeudalizzato dai signori, che ne traggono benefici
Altre attività economiche

Si svilupparono altre attività:

  • la pesca del merluzzo e delle aringhe;
  • l’industria di conservazione;
  • la grande rete commerciale che diffuse questi alimenti
I signori feudali sono profondamente legati alla terra e non hanno interesse a modernizzare l’economia e a sviluppare l’allevamento o il commercio (sono legati all’agricoltura tradizionale).
Prezzi Diminuiscono Diminuiscono, ma i redditi (che pure diminuiscono) non consentono di beneficiarne
Salari Aumentano
  • Diminuiscono per i contadini liberi
  • Si annullano per coloro ch diventano di nuovo servi della gleba (interi villaggi o singoli contadini)
Andamento economico Crescita Crisi
Conseguenze economiche
  • Migliorano le condizioni economiche e sociali di tutti
  • L’aumento dei redditi migliora le condizioni di vita e favorisce l’intraprendenza dei più capaci e meritevoli
  • Gli Stati diventano più forti e potenti
  • Peggiorano le condizioni economiche e sociali delle classi più disagiate, sfruttate e sottopagate e ridotte di nuovo in servitù della gleba
  • I signori non peggiorano le loro condizioni oppure le migliorano
  • Gli Stati entrano in una lunga crisi
Conseguenze sociali I coltivatori più ricchi e intraprendenti guidano l’economia e favoriscono la ripresa e la crescita I signori feudali mantengono il loro potere, la loro vita lussuosa ed impediscono il cambiamento ed il progresso, contribuendo a peggiorare notevolmente le condizioni di vita dei lavoratori