Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Innovazioni ed invenzioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: confronto | Prima Rivoluzione Industriale | rivoluzioni industriali | storia economica | Terza Rivoluzione Industriale

Nella I Rivoluzione Industriale non ci sono invenzioni, ma innovazioni. Ad esempio, il vapore è un tipo di energia che esisteva già, ma viene utilizzato per la prima volta per mettere in moto le macchine (che già esistono). Quindi, non ci sono nuovi strumenti e nuove tecniche produttive, ma piccoli e continui cambiamenti (localizzati solo in Inghilterra) soprattutto nel campo agricolo (perciò si parla di rivoluzione agricola), tessile (da qui si hanno la rivoluzione tessile e quindi quella commerciale), metallurgico (ferro, ghisa).

Nella II Rivoluzione Industriale, invece, si susseguono innovazioni ed invenzioni. Si applicano le tante scoperte scientifiche (motore a scoppio, altoforno, DDT, radiotelefonia, vaccini, aspirina...) all'industria, alla chimica, alla petrolchimica, all'elettricità, ai mezzi di comunicazione. Mentre nella I Rivoluzione Industriale le innovazioni sono raggiunte per caso o indipendentemente dallo sviluppo, nella II Rivoluzione esse sono richieste dal mondo industriale per facilitare o accelerare la produzione o la vendita.

Nella III Rivoluzione Industriale le nuove scienze e tecnologie portano ad un continuo susseguirsi di invenzioni e applicazioni che si riversano subito su tutta l'umanità a prezzi più o meno contenuti.