Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Mezzi di comunicazione

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Tags: confronto | Prima Rivoluzione Industriale | rivoluzioni industriali | storia economica | Terza Rivoluzione Industriale

Insieme ai trasporti, riceve un grande impulso il mondo della comunicazione.

Nella I Rivoluzione Industriale il mondo della comunicazione rimane pressoché uguale a quello precedente.

Appartengono alla II Rivoluzione Industriale l'invenzione del telefono, del telegrafo, della radio e così via: le comunicazioni sono molto più rapide e possono raggiungere in poco tempo ogni parte del mondo.

Nella III Rivoluzione Industriale avviene un fenomeno diffuso: l'annullamento delle distanze (a questo proposito, vedi i "mezzi di trasporto"). Esso si ottiene grazie allo sviluppo dell'informatica e quindi della Rete (Internet) a velocità sempre più alte e con la possibilità di connettersi ad essa anche con i smartphone.

"La rivoluzione informatica è paragonabile a quella industriale del primo Ottocento. E Internet è paragonabile alle ferrovie: come accadde con lo sviluppo dei trasporti su rotaia un secolo e mezzo fa, la rete darà un'enorme spinta ai commerci. Le ferrovie ridussero le distanze tra i mercati, Internet le annullerà. Il mondo non ha ancora capito che il Duemila è l'anno primo dell'economia globale." (Peter Drucker, economista)

Non a torto oggi si parla di "villaggio globale": raggiungere l'altro capo del mondo è semplicissimo e velocissimo, proprio come nell'antichità lo era raggiungere una parte qualsiasi di un villaggio.