Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Movimenti di uomini e popoli

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Tags: confronto | Prima Rivoluzione Industriale | rivoluzioni industriali | storia economica | Terza Rivoluzione Industriale

All'inizio della I Rivoluzione Industriale non si hanno grandi movimenti di popolazione perché la produzione è concentrata nelle campagne (agricoltura) o a domicilio (prodotti tessili). Quando la produzione comincia a concentrarsi nelle fabbriche, cioè nelle periferie delle città, si verifica una massiccia emigrazione dalle campagne verso le regioni industrializzate, soprattutto verso i bacini minerari e verso le zone con alto potenziale energetico. E' il fenomeno dell'urbanizzazione.

Con la II Rivoluzione Industriale, si ha un progressivo spostamento demografico prima dalle campagne verso le città industrializzate, poi dall'Europa verso gli altri continenti (in particolare verso l'America: USA e Argentina/Brasile). Il fenomeno dell'urbanizzazione si accompagna a quello della migrazione.

Nella III Rivoluzione Industriale, infine, si hanno due fenomeni complementari:

  • le grandi migrazioni di popolazioni da Sud a Nord e da Est a Ovest (ora l'Europa attrae migranti);
  • la "delocalizzazione" (cioè una "emigrazione") degli insediamenti produttivi da Nord a Sud e da Ovest a Est. Ciò è favorito dai moderni mezzi di comunicazione e dalla presenza di manodopera a basso costo. Questo comporta una riduzione dei flussi migratori da alcuni Paesi (ad esempio, dalla Cina le migrazioni sarebbero maggiori se non ci fosse la delocalizzazione).