Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Introduzione

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: confronto | Prima Rivoluzione Industriale | rivoluzioni industriali | storia economica | Terza Rivoluzione Industriale

Poco più di 10000 anni fa una parte della popolazione del mondo imparò a coltivare la terra e a produrre cibo: fu la rivoluzione neolitica. Da allora l'agricoltura rimase per millenni l'attività principale - se non l'unica - degli esseri umani.

La situazione cominciò a cambiare solo a partire da due secoli fa, quando ebbe inizio la Rivoluzione Industriale, la più grande rivoluzione del nostro tempo. Alla debole energia degli uomini e degli animali, a quella dell'acqua e del vento si sostituirono l'energia del carbone, del vapore, e poi del petrolio, dell'elettricità, dell'atomo. Fu un cambiamento radicale e irreversibile. Nei paesi industrializzati uomini e donne ebbero a disposizione comodità impensabili in precedenza (illuminazione, riscaldamento, abitazioni confortevoli, abiti a buon mercato, trasporti e comunicazioni rapidissime...); fame e fatica fisica furono molto ridotte; si diffuse l'istruzione; invenzioni e scoperte resero più lunga la vita umana.

Perché parliamo di tre rivoluzioni industriali diverse? Perché la II ha qualche caratteristica che mancava alla I, così come la III ne ha qualcuna che la II non aveva. Quindi tra di esse ci devono essere delle differenze molto importanti, che esamineremo ad una ad una negli articoli seguenti.