Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Toyotismo

Valutazione attuale:  / 5
ScarsoOttimo 

Tags: confronto | Giappone | lessico | Prima Rivoluzione Industriale | rivoluzioni industriali | storia economica | Terza Rivoluzione Industriale

Questo argomento si applica a: Terza Rivoluzione Industriale

Negli anni Settanta e Ottanta l'arresto della crescita economica e la rivoluzione informatica spinsero le industrie a rinnovarsi, introducendo nuovi metodi di lavoro. Uno di questi fu il toyotismo sperimentato per la prima volta negli anni Cinquanta da una azienda automobilistica giapponese, la Toyota.

Il toyotismo si basa sulla produzione di lotti brevissimi capaci di soddisfare le più piccole opportunità di mercato. In poche parole, piuttosto che non vendere nulla sarebbe stato meglio vendere un prodotto non standardizzato, ma rispondente alle particolari richieste di poche persone: un'automobile con climatizzatore anche se non previsto, ad esempio; un'automobile con sedili in pelle invece che in tessuto; eccetera.

All'interno delle piccole squadre, dette gruppi di qualità (e che sono responsabili di tutto il ciclo di lavorazione, dalla regolazione delle macchine al controllo della qualità), la manodopera non è isolata, ma ciascuno collabora con gli altri in base alle proprie conoscenze e alla propria esperienza. Per tali motivi, i dipendenti della fabbrica giapponese sono tutti forniti di un alto livello di istruzione e non si limitano ad eseguire monotonamente azioni meccaniche, ma vengono sollecitati a prender parte alla progettazione e a fare proposte per migliorare la lavorazione. L'abbandono della struttura fordista gerarchica o "a castello" (dirigenti, tecnici, operai) per una struttura a squadre (dirigenti-tecnici-operai) comporta l'uso di una struttura orizzontale, detta "a rete".

La produzione avviene su ordinazione e all'ultimo momento (just in time). Macchine modernissime permettono di adeguarla ai bisogni e ai capricci del mercato. Il toyotismo risponde così alle richieste personalizzate dei clienti con tempismo e flessibilità, ottenendo un controllo di qualità estremamente più efficace. Il perfetto sistema di trasporti just in time evitava l'uso di spazi per i magazzini. Le scorte di magazzino sono ridotte al minimo per non tener bloccati dei capitali.

Lo sviluppo tecnologico porterà negli anni Ottanta la fabbrica integralmente automatizzata, con il compattamento di tutto il sistema nel governo centralizzato delle macchine, dei movimenti interni, degli input e output tra fabbrica e magazzino. Con l'ingresso del computer queste radicali innovazioni si sono avviate in tutti i campi della vita produttiva, dei servizi, della vita quotidiana, della cultura e della scienza.

Con il toyotismo nasce il concetto di qualità e soprattutto di qualità totale. Essa è frutto di un lavoro umano intelligente e responsabile di eliminare le risorse ridondanti, di coinvolgere i dipendenti nelle decisioni riguardanti la produzione, di partecipare con i fornitori e di controllare la domanda che influisce sulla produzione. L'obiettivo è che ogni prodotto corrisponda alla richiesta di un preciso cliente. Come conseguenza si diffonde l'officina minima, altamente tecnologica ma controllabile dai lavoratori, che tendono a non dividersi più in operai interni e manutentori, ma sono in grado di intervenire immediatamente nel flusso produttivo in caso di anomalie o difetti.

Puoi aiutarti a distinguere le due organizzazioni del lavoro compilando la seguente tabella.

Indicatori

Fordismo

Toyotismo

Azienda in cui fu applicato per la prima volta

È simbolo di quale rivoluzione industriale?

Tipo di produzione e caratteristiche dei prodotti finiti

Organizzazione del lavoro

Tipo di forza lavoro e di abilità richieste