Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Impero e Imperi: un giochino per riflettere

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: impero | Impero Romano | Impero Romano Occidente | Impero Romano Oriente | insegnare | metodologia | Sacro Romano Impero | Sacro Romano Impero Germanico

 

Durante la lettura della parte del libro di testo in cui si parlava della caduta dell'Impero Romano d'Occidente, ho dato un'occhiata ai ragazzi e mi sono chiesto: "Che cosa stanno capendo?". Dai volti, non mi pareva un granché. Mi sono proiettato al momento delle interrogazioni e ho immaginato orde di ragazzi che parlavano di Impero d'Occidente e d'Oriente senza capire dove questi si trovassero, che cosa fossero, quali differenze ci fossero tra loro, e via dicendo.

Urgeva una camomilla per me e un rivitalizzante per la classe. Stop alla lettura!

Facciamo un giochino.

Prendo un foglio, lo divido in tre. Da un lato, scrivo su ciascuno questi tre dati:

  1. Impero Romano.
  2. Sacro Romano Impero.
  3. Sacro Romano Impero Germanico.

Sul retro, scrivo i numero 1, 2, 3 (a caso). Piego i bigliettini e via.

Domanda: - Secondo voi, ragazzi, qual è la "busta" che contiene l'Impero Romano?

Comincia la gara tra i ragazzi. Cedo la parola al più svelto, che, con grande fortuna, indovina il numero giusto: bravo!

Domanda: - Che cosa ci sarà scritto sugli altri foglietti? Ci sarà un altro impero romano?

Ovvia risposta: - Nooooooo!

Ad un secondo alunno, viene data la possibilità di aprire la seconda busta. Ancora per caso, viene fuori il Sacro Romano Impero.

Domanda: - Il Sacro Romano Impero è un Impero Romano?

Il "No" non è corale: la classe è divisa. Procediamo con l'apertura della terza "busta". Bene: i ragazzi sono in crisi.

Domanda provocatoria: - Quanti "imperi romani" esistono?

Caos: uno, due, tre... Ciascuno abbozza una propria risposta. Dopo una lunga discussione, conveniamo su alcuni punti:

  • in senso stretto, di "Impero Romano" ce n'è uno solo;
  • in senso più esteso, di "Imperi Romani" ce ne sono due: d'Occidente e d'Oriente, ma in realtà sono due metà di un'unica unità;
  • in senso allargato, tra gli "imperi romani" possiamo annoverare anche gli altri due, ma sono la stessa cosa?

Ecco, emergeva il compito per la volta successiva:

  1. ricerca il significato di "sacro" e di "germanico";
  2. ricerca quali possono essere le somiglianze e soprattutto le differenze tra i tre "imperi".

Conclusioni

Il gioco ha avuto diverse conseguenze:

  • ha tenuto desta l'attenzione;
  • ha portato al ragionamento;
  • ha condotto al bisogno della ricerca (lessicale, geografica, storica...);
  • ha effettivamente portato i ragazzi a utilizzare il libro autonomamente per fornire una risposta al bisogno di sapere, bisogno stimolato e non passivo. Qualcuno ha perfino utilizzato altri strumenti (enciclopedie, Internet...) per fornire la risposta, portando poi in classe carte geografiche e dati che dimostravano la collocazione e la distanza temporale tra i tre imperi e quindi la loro unicità e particolarità.

Contestualizzazione del gioco

Il gioco può essere inserito in un percorso di più ampio respiro. Vedi qui sotto gli articoli collegati: troverai una proposta didattica di un curricolo di storia per la prima media.