Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Nubifragio del 9-10 marzo 2010

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Tags: acqua | clima | Crispiano | forze esogene | gravina | meteorologia | Puglia | Taranto

 

20100310 nubifragioClicca per ingrandire.

 

Da settembre [2009] ad oggi, molte sono state le intense precipitazioni che hanno irrigato il nostro territorio. La causa, come si vede dall'immagine qui sotto (fonte: www.ilmeteo.it), è lo stabilirsi di frequenti depressioni incentrate sul Mar Tirreno, che causano instabilità e maltempo in tutta Italia: da Sud arrivano intense correnti umide, da Nord correnti più fredde, e lo stivale passa i guai in tutti i suoi angoli.

Il Golfo di Taranto, in casi simili, è direttamente interessato dall'arrivo di intense precipitazioni da Sud-Est. In particolare, il litoraneo ionico è sottoposto ad uno stress intenso: le abbondanti piogge infatti precipitano sulla piana di Taranto e sulle Murge, e quindi si raccolgono nelle fiumare dell'arco ionico.

Nella successiva immagine, il grafico estratto da http://www.supermeteo.com/stazionemeteotaranto.php, in cui vengono riprodotti i dati meteo di ieri in confronto con oggi. Sono evidenziate le precipitazioni: in tutto, circa 200 mm in 16/18 ore, l'equivalente di un terzo delle precipitazioni medie di un anno!!!

 

meteo TAClicca per ingrandire

 

Vedi l'articolo con fotografie di confronto tra la situazione normale di alcune gravine e quella di quest'oggi.

 

---

La prima immagine in alto è fornita su gentile concessione e autorizzazione scritta da www.ilmeteo.it .