Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Precipitazioni, fiumare e gravine

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Tags: clima | Crispiano | gravina

Per contestualizzare: Nubifragio del 9-10 marzo 2010

Le precipitazioni

La pendenza dei nostri bassopiani e altopiani non è eccessiva, pertanto le fiumare si gonfiano presto di acque e invadono il terreno. Piano piano, inondano le gravine, generando i nostri "fiumi" che generalmente sono secchi e stagionali perché dipendenti dalle precipitazioni.

Ecco dunque che le intense precipitazioni richiamano la nascita delle gravine: esse sono ampi valloni generati dall'erosione dei fiumi, che dilavano prima la terra, poi scavano la roccia calcarea, e quindi creano i nostri "canyons". In Italia, la provincia di Taranto (soprattutto la parte centro-occidentale) è il luogo per eccellenza delle gravine. Altre se ne trovano nella parte settentrionale delle Murge (zona di Fasano-Ostuni, ma anche di Gravina e Altamura). Ma le nostre sono insuperabili (in particolare nella zona di Castellaneta).

La sequenza di foto mostra la situazione degli stessi punti in due momenti: 11 febbraio e 10 marzo 2010. Da tenere presente che le foto del 10 marzo sono state scattate intorno alle 12:30, ma l'onda di piena era stata precedente (tra le 7:00 e le 11:00). Quindi il livello massimo dei corsi era ancora superiore...

Le foto si riferiscono alla gravina del Triglio, nei pressi della chiesa di San Michele di Triglie (tra Crispiano, Statte, Massafra).

Clicca sulle foto per ingrandire. Purtroppo le foto a destra sono state scattate con un telefonino, quindi la qualità video è inferiore. Tuttavia è evidente il confronto tra i livelli delle acque prima e dopo il nubifragio.

 

1705766369

815468061

713908637

797737737

1183476389

301835063

990784146

2011183818

 

Per tutte le immagini: © Giorgio Sonnante