Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

Piramide sociale e politica dei Longobardi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: Longobardi | Medioevo | piramide | politica | società | storia italiana

L'organizzazione sociale e politica dei Longobardi non è sempre stata uguale. Le due piramidi cercano di spiegare il cambiamento tra una prima fase (VI secolo, corrispondente all'arrivo in Italia) e una seconda (VII secolo, successiva all'Editto di Rotari).

L'organizzazione dei Longobardi prima di Rotari

Piramide dei Longobardi prima di Rotari

Clicca per ingrandire

Spiegazione

La piramide sociale dei Longobardi, al loro arrivo in Italia, è molto elementare:
è composta da tre livelli (re, duca, popolo). Il popolo è a sua volta diviso in tre parti:
liberi, semiliberi e servi.
Questa struttura rimane invariata anche dopo il contatto con gli Italici,
soprattutto perché gli Italici rimangono separati dai Longobardi (vedi la mappa concettuale).

L'organizzazione dei Longobardi dopo Rotari

La piramide sociale e politica dei Longobardi dopo RotariClicca per ingrandire

Spiegazione

I cambiamenti introdotti dai re, soprattutto da Rotari, portano a dei cambiamenti apparentemente insignificanti.
Eppure, la piramide cambia molto:

  • il re assume poteri sempre più forti che comportano l'indebolimento dei duchi;
  • la nuova carica di "gastaldo" diventa importante perché serve a controllare i duchi,
    ma non è raro che il gastaldo sostituisca completamente il duca quando questo viene destituito;
  • il popolo rimane diviso in tre, ma in questa organizzazione vengono inclusi anche gli Italici
    poiché i Longobardi cominciano a fondersi con le popolazioni locali.