Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

I Longobardi nell'VIII secolo e il tentativo di unificazione dell'Italia

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tags: Astolfo | Carlo Magno | Desiderio | Liutprando | Longobardi | Pipino il Breve | storia italiana | unificazione

La mappa concettuale seguente tenta di riassumere e schematizzare le linee politiche e militari dell'azione dei re longobardi durante l'VIII secolo. Tre re, Liutprando, Astolfo e Desiderio, tentano un'impresa storica fondamentale: unificare il territorio italiano sotto un'unica corona.

Mentre i Franchi stanno realizzando quest'opera nella ex Gallia romana (combattendo anche contro un potente popolo, gli Arabi: si ricordi la battaglia fondamentale del 732, vinta da Pipino il Breve), i Longobardi cercano di fare lo stesso in Italia, combattendo però contro i Bizantini, che conservano alcuni territori strategici, e contro i papi, che sentono di avere un grande potere spirituale.

Proprio gli eventi dell'VIII secolo operano un cambiamento importante, perché grazie agli inganni e alle strategie comincia a nascere quello che, a fine 700, sarà il Patrimonio di San Pietro, poi Stato della Chiesa. Sarà proprio questo uno degli ostacoli all'unificazione dell'Italia, realizzata solamente nel 1861 (e nel 1870 con la Presa di Roma).

Altri articoli sono disponibili consultando il tag Longobardi.

Longobardi-VIII-secolo-ridClicca per ingrandire