Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

La politica estera piemontese e italiana dal 1848 al 1918

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Periodo

Alleato preferenziale

Eventi

Note

1848-1849

Altri Stati Italiani

Prima Guerra d'Indipendenza

Carlo Alberto promuove la Prima Guerra d'Indipendenza soprattutto con il sostegno degli Stati della Penisola Italiana. La debolezza dell'alleanza e i contrasti tra gli interessi dei diversi governanti, insieme alla superiorità militare austriaca, conducono alla sconfitta.

1850-1858

Ricerca di un'alleanza

Guerra di Crimea

Cavour si adopera per cercare un alleato europeo contro l'Austria e a favore degli interessi italiani. La partecipazione alla guerra di Crimea, a fianco della Francia e della Gran Bretagna, offre la possibilità di sollevare il "problema italiano" in un contesto internazionale.

1858-1959

Francia

Tacito sostegno inglese

Trattato di Plombières

Seconda Guerra d'Indipendenza

Il Trattato di Plombières (segreto) consente al Piemonte di affrontare l'Austria in modo deciso. La Seconda Guerra d'Indipendenza termina però con l'Armistizio di Villafranca, deciso unilateralmente da Napoleone III per il timore dell'opposizione crescente francese di fronte alle numerose vittime francesi sul suolo italiano.

1860-1865

Nessuno

Impresa dei Mille

Firenze Capitale

La crisi dell'alleanza con la Francia non blocca i liberali, che proseguono senza alleati (in realtà continua il tacito assenso degli inglesi, che con la loro flotta danno un sostegno concreto in alcune operazioni).

Garibaldi libera il Sud Italia; Vittorio Emanuele II procede con l'annessione di Marche, Umbria, Abruzzi, facendo attenzione a non annettere il Lazio per non urtare eccessivamente il Papato e provocare la discesa di Napoleone III (alleato del Papa) contro l'Italia.

1866-1915

Prussia

1866: Terza Guerra d'Indipendenza

La politica di riunificazione di Bismarck e di Guglielmo II incontra l'interesse dell'Italia. L'alleanza tra Prussia e Italia permette di attaccare l'Austria da Nord e da Sud contemporaneamente. La schiacciante vittoria prussiana, nonostante le sconfitte italiane, permette di acquisire il Veneto.

1870: Presa di Roma

La nuova guerra prussiana contro la Francia (1870, battaglia di Sedan) fa cadere Napoleone III e permette all'Italia di prendere Roma e annettere il Lazio senza rischi.

Prussia

Austria

1878: Congresso di Berlino

1882: Triplice Alleanza

La politica prussiana si muove per isolare la Francia. A tal fine, in particolare, viene siglata la Triplice Alleanza che coinvolge i tre Stati posti al centro dell'Europa: Secondo Reich, Impero Austro-Ungarico e Italia. Gli irredentisti soffrono per questa alleanza con l'Austria, poiché tradisce gli interessi reali della Nazione e impedisce la liberazione di Trento e Trieste.

1884-1914

Il Secondo Reich si butta a capofitto nella politica coloniale e spinge tutta l'Europa nella conquista dei territori africani e asiatici non ancora conquistati. Anche l'Italia tenta di conquistare l'Eritrea e l'Etiopia, dove subiamo una cocente sconfitta (Adua, 1896).

Nel 1907 nasce la Triplice Intesa (Grna Bretagna, Francia e Russia).

La politica coloniale italiana sarà ripresa da Giolitti nel 1911, con la conquista della Libia (apparentemente conclusa nel 1912).

1914-1918

Neutralità e passaggio alla Triplice Intesa

Prima Guerra Mondiale

(per l'Italia: Quarta Guerra d'Indipendenza)

All'inizio della Guerra l'Italia si dichiara neutrale. Il 26 aprile 1915 il Governo firma un patto segreto con la Triplice Intesa (Patto di Londra) secondo cui l'Italia, entro un mese (entro il 25 maggio 1915) sarebbe entrata in guerra a fianco dell'Intesa contro la Prussia e l'Austria. In caso di vittoria avrebbe ottenuto Trento, Trieste, Istria e Dalmazia. L'Italia entrò in guerra il giorno prima della scadenza: il 24 maggio 1915.