Crea sito

Rivolta e Rivoluzione

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Categoria principale: Storia
Categoria: Linguaggio
Creato Mercoledì, 13 Ottobre 2010 14:52
Ultima modifica il Lunedì, 27 Maggio 2013 16:26
Scritto da Giorgio Sonnante
Visite: 10327

Tags: moto | movimento | rivolta | rivoluzione | società

Rivolta

Moto collettivo, istintivo e violento, di ribellione contro l'ordine costituito.

sostantivo deverbativo da rivoltare, composto di ri- e voltare

Ribellione

Reazione conseguente a uno stato di esasperata soggezione o costrizione, capace di tradursi in aperta rivolta armata, in un deciso rifiuto all'obbedienza, o anche in un istintivo atteggiamento di protesta.

Dal lat. rebellio, der. di ribellare »Devoto-Oli, Nuovo Vocabolario della Lingua Italiana

Rivoluzione

Movimento organizzato e violento col quale si instaura un nuovo ordine sociale o politico.

In senso più ampio, ogni processo storico, anche graduale, che finisca per determinare il mutamento di un assetto sociale o politico

dal lat. tardo revolutio, "rivolgimento, ritorno", der. del class. revolvere »Devoto-Oli, Nuovo Vocabolario della Lingua Italiana

 

Rivolta Rivoluzione
Sostanza

Moto

Movimento

Carattere 1

Istintivo o spontaneo

Organizzato o spontaneo

Carattere 2

Violento

Violento

Conseguenze

Nessuna (ribellione, repressione)

Nuovo ordine

 

Per chiarire la differenza tra Rivolta e Rivoluzione, occorre chiarire dunque anche quella tra "moto" e "movimento".

Moto

Il fatto fisico corrispondente ai concetti di spostamento, di attività, di funzionamento, e alle relative implicazioni tecniche o scientifiche.

Quanto segue a un impulso vivace e improvviso.

Tentativo rivoluzionario.

Dal lat. motus, der. di movere, "muovere" »Devoto-Oli, Nuovo Vocabolario della Lingua Italiana

Movimento

Spostamento riferito a funzionalità o dinamismo.

In senso politico, sociale, spirituale e artistico: comportamento collettivo spontaneo o organizzato che si fonda sulla comune adesione a certi principi o idee ed ha per scopo di affermarli modificando preesistenti realtà, costumi, atteggiamenti, credenze, organizzazioni istituzionali.

Der. di muovere.