Contenuto principale

UE - Direttiva e-Privacy

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali

Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione.

Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto. Puoi modificare questa decisione.

L'indicativo: modo e tempi - Indicativo: modi e tempi

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

Perché 5 tempi per il passato? Le sfumature aspettuali

Ultimo ostacolo: un'azione reale passata viene espressa con 5 tempi. Perché?

Abbiamo parzialmente risposto dicendo che i tempi composti (Passato Prossimo e Trapassati) indicano azione precedente rispetto a quelli semplici. Tuttavia, rimangono Imperfetto e Passato Remoto (tutti e due di colore rosso): c'è una differenza? Sì.

L'Imperfetto (e quindi anche il Trapassato Prossimo, suo antecedente) esprime

  • un'azione durativa, cioè un'azione che nel passato è durata per un certo tempo (spesso con conseguenze sul presente: "imperfetto" significa "non concluso");
  • un'azione ripetuta più volte, spesso.

Il Passato Remoto (e quindi il Trapassato Remoto, suo antecedente) esprime

  • un'azione puntuale nel tempo, cioè avvenuta una sola volta e già terminata.

Esempi

  • Quel cliente veniva spesso a comprare da noi (veniva = azione ripetuta nel passato)
  • Venni a casa tua, ma tu non c'eri. (Venni = azione puntuale nel passato, senza effetti sul presente; c'eri = azione durativa nel passato: la tua assenza è durata molto tempo).